Salire al cielo fermando le donne in ascensore

Condividi

La passione per le donne, nella sua forma maniacale multipla, quella del libertino furibondo, potrebbe rappresentare una misconosciuta forma di ascetismo. Perché dedicarsi alle donne con totale devozione è come un sacerdozio: una prova costellata di tormenti, che stranamente procurano letizia nell'adepto, come il cilicio al devoto flagellante. Chi ama la donna infatti ne adora l'incostanza, la natura imprevedibile e selvaggia. Ne sposa l'animo volubile, e vi trova alleanze inaspettate, scoprendoci molte facce segrete. In questa specie di kung fu sentimentale, l'animo maschile sublima in campi a lui poco congeniali. Così si arricchisce e si completa. Il libertino evoluto, dunque, nella donna trova un esercizio spirituale sacrosanto. Ha chiaro che dovrà scamparne molte per salvarsi dalla monogamia se vorrà un giorno guadagnarsi il Cielo, tutto, anziché accontentarsi della "sua metà". Insomma, ogni asceta ha in sorte il cilicio che si merita. Solo pochi eletti sono all'altezza delle donne. Gli altri, come esercizio di catarsi, fanno tappezzeria alle feste o agriturismo negli eremi e dentro le spelonche.